Allontanamenti facili: Filippo Degasperi, M5S, deposita emendamenti alla Legge collegata alla manovra di bilancio della Provincia autonoma di Trento, per l’anno 2017.

Trento, dicembre 2016

E’ il Consigliere provinciale Filippo Degasperi – video P.A.T.-, facendo seguito agli impegni assunti quale firmatario del ddl 46/XV  Integrazioni della legge provinciale sulle politiche sociali 2007 e della legge provinciale sulla tutela della salute 2010 in materia di carte dei servizi e di servizi a favore dei minori, approvato all’unanimità dal Consiglio provinciale, a depositare necessari ed importanti emendamenti volti alla istituzione ed alla organizzazione della auspicata, e colonna principale del ddl 46/XV,  UVM – Unità di Valutazione Multidimensionale – come era emerso durante le audizioni in Quarta Commissione permanete, ove lo stesso Presidente del Tribunale per i Minorenni di Trento, affermando che i minori in comunità sono tre volte di più di quelli in famiglia, esprimeva generale apprezzamento al ddl per gli interventi migliorativi che prevede e che contengono specificazioni utili senza stravolgere l’impianto normativo esistente, soprattutto per le informazioni che la Carta dei servizi garantirebbe agli utenti, per i requisiti professionali richiesti al personale sia dipendente sia volontario delle comunità minorili.

Chiaro era l’obbiettivo di Degasperi quando dichiarava che relativamente alla necessità di istituire le UVM si rendeva necessario “affiancare a chi oggi decide sostanzialmete da solo il destino dei minori di cui si richiede l’allontanamento una organizzazione multidisciplinare composta da più professionalità che supportino e avvallino il parere di chi oggi opera in solitudine.”

L’intervento della UVM è previsto qualora il progetto riguardante il bambino di minore età, preveda l’inserimento in struttura di accolgienza dello stesso. Tra le competenze multiprofessionali presenti in UVM troviamo oltre al Direttore del distretto socio sanitario o suo delegato, l’ Assistente Sociale del Comune competente, il Medico di Medicina Generale o il pediatra di libera scelta della persona interessata.

 

Significativa inoltre e di assoluta novità rispetto alle attuali normative e prassi la proposta di cui all’art. 34 della LP 13/2007 ove al comma 2 quater ” I componenti della UVM sono” – (pag 1/5) – ove è prevista la presenza del CTP – Consulente Tecnico di Parte – dei genitori in caso di iniziato o disposto percorso peritale per la valutazione della capacità genitoriale, alla lettera d; ed il Consulente Legale degli interessati, siano essi uno o entrambi i genitori, o la persona esercente la patria potestà, su richiesta degli stessi, alla lettera e.

Roberto Buffi

 

 

emendamento 288 art 8 DDL174-page-001.jpg

emendamento 288 art 8 DDL174-page-002.jpg

emendamento 288 art 8 DDL174-page-003.jpg

emendamento 288 art 8 DDL174-page-004.jpg

emendamento 288 art 8 DDL174-page-005.jpg