Affido Condiviso, difficile farlo rispettare. Corriere del Trentino

L'avvocato: mancano strumenti legislativi. Il giudice: "Maternal preference, un errore"

Maternal preference: ovvero la tesi, completamente priva di basi scientifiche, secondo cui dalla nascita alla preadolescenza un bambino, in caso di separazione dei genitori, starebbe sempre meglio con la mamma, salvo conclamate cause di incapacità della donna.

#TRENTO «Dal 2010 ad oggi l’Italia è stata condannata per 24 volte dalla Corte europea dei diritti dell’uomo #CEDU per non aver dato, per mancanza di strumenti legislativi adeguati, effettiva esecuzione al diritto dei minori di crescere con entrambi i genitori, anche dopo la rottura del loro rapporto di coppia». È la denuncia di Maria Giovanna Ruo, presidente della Camera nazionale avvocati per la famiglia e i minorenni, che ha aperto ieri a #Rovereto, nella sede della Caritro, il convegno «Il sostegno alle famiglie in difficoltà tra welfare e giurisdizione».
«Questo titolo non è casuale — spiega l’avvocatessa — perché la ricerca del welfare è un compito di rilievo costituzionale, a cui la giurisdizione subentra solo in un momento successivo, eventuale e correttivo». «Ancora troppo spesso — le fa eco il presidente del Tribunale dei minorenni di Trento Paolo Sceusa — le cause di affidamento dei figli, di richiesta degli alimenti e le denunce per le violenze in famiglia sono di competenza di giudici diversi e ciò comporta l’allungamento dei tempi e una generale sfiducia circa le reali possibilità di ottenere giustizia». Il magistrato ricorda come in passato si sia spesso dovuti ricorrere a «provvedimenti creativi» per evitare che le cause relative alla separazione dei genitori e all’affidamento dei figli venissero affidate a tribunali diversi, con il conseguente rischio di avere due sentenze tra loro uguali e contrarie. La riunificazione della competenza è stata successivamente assodata dalla legge e dalla Cassazione, ma tanto resta ancora da fare per evitare di cadere negli «stereotipi automatici».
«Come quelli di autorevoli corti straniere che hanno fatto propria la teoria della maternal preference, ovvero la tesi, completamente priva di basi scientifiche, secondo cui dalla nascita alla preadolescenza un bambino, in caso di separazione dei genitori, starebbe sempre meglio con la mamma, salvo conclamate cause di incapacità della donna». spiega Maria Teresa Dieni, giudice al Tribunale di Rovereto. «Ma oggi — aggiunge — le famiglie non sono più patriarcali e anche i papà si prendono cura dei figli fin dalla tenera età». Meglio dunque concentrarsi, secondo ragionevolezza e buon senso, sull’esame dei casi concreti e sull’ascolto, laddove siano capaci di discernere, dei minori interessati.

di Martina Dei Cas​
Fonte: Corriere del Trentino 15 maggio 2017

Per approfondire:

Recenti condanne contro Italia: Casi #Improta, #Bondavalli #Strumia #Giorgioni

Caso Improta c. Italia (maggio 2017). L’avvocato Tomas Delmonte commenta il recente provvedimento CtEDU. Il testo della sentenza

Padri separati: la CEDU condanna l’ Italia. I casi Bondavalli, Strumia, Giorgioni.

Affidamento condiviso: Prof. Marino Maglietta, estensore della Legge 54/2006. Video.

L’uguaglianza all’italiana: maternal preference

Tribunale di Rovereto sotto la lente: altra richiesta di ispezione al ministro Orlando

La Corte d’Appello sconfessa lo psichiatra in ciabatte