Allontanamenti facili: nasce un tavolo di lavoro sul ddl 2047 (On. Ascari) per i servizi ai minori

Presentazione del Tavolo di Lavoro sul Disegno di legge n. 2047 “Modifiche al codice civile e alla legge 4 maggio 1983, n. 184, in materia di affidamento dei minori”

Presentazione del Tavolo di Lavoro sul Disegno di legge n. 2047 “Modifiche al codice civile e alla legge 4 maggio 1983, n. 184, in materia di affidamento dei minori”

Trento. L’esponente di Onda Civica Andrea Maschio e Roberto Buffi, presidente del Centro Antiviolenza Bigenitoriale di Rovereto, hanno istituito un eterogeneo gruppo di lavoro per analizzare gli articoli del disegno di legge leggi qui il testo del ddl 2047 (On. Ascari) per discutere e predisporre emendamenti di senso da sottoporre al vaglio della Commissione permanente di Giustizia. Il proposito di Maschio e Buffi è nato dall’analisi dei numerosi progetti di legge presentati in questi ultimi due anni come ad esempio il Ddl Caucino che, «seppur negli intenti voglia far apparire di introdurre proposte risolutive ad un problema esistente, di fatto lascia larghe maglie di interpretazione che consentono e favoriscono allontanamenti con ancora un troppo elevato grado di soggettività. Il nostro desiderio – proseguono Maschio e Buffi – è invece quello di parametrare tale soggettività e livello interpretativo». Maschio e Buffi si dicono «assolutamente a favore degli allontanamenti, qualora la violenza sui minori in ogni sua declinazione sia accertata e comprovata», ma sostengono di voler «colmare il vulnus normativo che, ben prima di Bibbiano, abbiamo appurato esistere. Questione verificata anche in alcuni casi trentini dove, addirittura, l’autorità giudiziaria è intervenuta in un secondo grado di giudizio nel ricollocare i minori presso il gruppo genitoriale di origine a cui erano stati precedentemente sottratti». Il tavolo di lavoro è composto «da elevate professionalità e diversificate competenze giuridiche, sociali, assistenziali» spiegano i due ideatori. Oltre a Maschio e Buffi, coideatori e coordinatori del Tavolo, ne fanno parte Luca Cordoni , delegato dal Direttivo di Associazione Mdm di Bergamo, lpavvocato Sara Gioia di Rovereto, l’educatore Andrea Messaggeri di Gorgonzola (MI), la pedagogista, psicologa e psicodiagnosta Anna Poli, Ctp di Bologna, Cristina Sartori, grafologa giudiziaria, consulente investigativa – Vallelaghi, Guendalina Scozzafava, assistente Sociale, consulente socio giuridico, mediatrice, Ctu/Ctp e criminologa Forense di Busto Arsizio, Sonia Superti, pedagogista familiare e coordinatore genitoriale di Milano, e l’avvocato trentino Romina Targa, presidente della sezione di Trento dell’Ami (Avvocati matrimonialisti italiani).

 

Il tavolo di lavoro è composto da elevate professionalità e diversificate competenze giuridiche, sociali, assistenziali oltre che associative quali associazioni di professionisti come A.M.I. o associazionidi utilità sociali quali MDM

Il tavolo è cosi composto:

  • Andrea Maschio, Co-ideatore e Coordinatore del Tavolo di Lavoro – Capogruppo Gruppo consiliare comunale ONDA CIVICA TRENTINO – TRENTO;

  • Roberto Buffi, Co-ideatore e Coordinatore del Tavolo di Lavoro – Presidente Associazione Centro Antiviolenza Bigenitoriale Onlus – ROVERETO (TN);

  • Luca Cordoni – Delegato dal Direttivo di Associazione MdM – (BERGAMO)

  • Sara Gioia – Avvocato Foro di Rovereto – ROVERETO (TN)

  • Andrea Messaggeri – Educatore – GORGONZOLA (MI)

  • Anna Poli – Pedagogista, Psicologa, Psicodiagnosta, CTP – BOLOGNA

  • Cristina Sartori – Grafologa giudiziaria, CTP/CTU, Consulente investigativa – VALLELAGHI (TN)

  • Guendalina Scozzafava – Assistente Sociale, Consulente socio giuridico, Mediatrice, Ctu/Ctp, Criminologa Forense – BUSTO ARSIZIO (VA)

  • Sonia Superti – Pedagogista familiare e Coordinatore genitoriale – MILANO

  • Romina Targa – Avvocato Foro di Trento, Presidente AMI (avvocati matrimonialisti italiani) sez. di TrentoTRENTO (TN)

Fonte foto e articolo quotidiano “Trentino” 12 maggio 2020 

Nasce un Tavolo di lavoro sul Ddl per i servizi ai minori